Riapre la Rosticceria Flli Famulari di via Cesare Battisti. Era stata chiusa per “Gravi carenze igieniche” dall’Asp 5. I retroscena

Download PDF

famulari

MESSINA. Il controllo è nato per caso. Il verdetto è stato tranciante: “Condizioni igieniche sanitarie pessime”. Tradotto: sporcizia dappertutto. La rinomata, come si legge sullo stesso sito on line, Rosticceria dei Fratelli Famulari di via Cesare Battisti, accanto all’Università di Messina, è stata chiusa dai funzionari del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale 5 di Messina a seguito di un sopralluogo che ha dato un esito clamoroso. Nelle cucine dove vengono preparati gli arancini e i pitoni più gettonati della città e le pietanze per le feste di compleanno che si svolgono in una sala attigua, i funzionari hanno rilevato, in sintesi, “gravi carenze igienico sanitarie e condizioni incompatibili con la preparazione di alimenti destinati agli uomini”. Nella relazione non mancano dettagli che farebbero passare la fame anche al più ghiotto di specialità messinesi. Il provvedimento adottato alla vigilia di Ferragosto è stato eseguito dai proprietari qualche giorno dopo la Festa dell’Assunzione di Maria. Sulla porta dell’esercizio commerciale è, però, comparsa la scritta: “Chiuso per ferie”. Mercoledì 28 agosto i funzionari dell’Asp 5 sono tornati in via Cesare Battisti per verificare se gli standard minimi di igiene fossero stati ripristinati, condizione questa richiesta dalla legge per la revoca dell’ordinanza di chiusura. Al termine del sopralluogo  è stata autorizzata la riapertura della rosticceria. “Abbiamo riaperto alla grande. Vi aspettiamo tutti qua. Le ferie sono finite”, dice l’operatore che risponde al telefono della Rosticceria nella mattinata di giovedì 29.

A richiedere l’intervento dei funzionari dell’Asp 5 sono stati gli agenti di una pattuglia della polizia di Stato. Accorsi sul posto per tentare di sventare una rapina ai danni dello stesso esercizio gli ufficiali sono entrati nella cucina rilevando da subito le carenze che poi il sopralluogo dei tecnici dell’Asp 5 ha confermato.

75 comments

  1. antonio scrive:

    anni fa si diceva avesse preso il posto di nunnari come prelibatezze

  2. ettore franco bello scrive:

    Questa è Messina:orfana o figlia di genitori furbi, disonesti, imbroglioni ed sgoisti. Le persone oneste, corrette, dignitose, ovvero normali, restano quuasi sempre emarginate!

    • Alessia scrive:

      Ma cosa c’entra? Questi episodi si verificano dappertutto. Mica solo a Messina! Dovremmo smetterla di gettare fango sulla nostra città ogni volta che si verificano situazioni spiacevoli.

      • Bobby Solo scrive:

        Infatti in altri posti per motivi di igiene si va in galera!!!!!
        L’ultima volta che ho mangiato gli arancini facevano cagare come ogni cosa ormai a Messina e non capisco come si possa solo paragonare Nunnari a famulari visto che equivale a bestemmiare in tutte le lingue contro tutte le divinità.
        Se uno vuole mangiare bene meglio vada in periferia tipo villafranca dove li fanno come in casa!!!

  3. giancarla Oteri scrive:

    chi troppo vuole nulla dovrebbe stringere; fosse per me non avrei riaperto al ” minimo” delle carenze igieniche ma a Messina, città senza legge nè regole, tutto accade

  4. claudio scrive:

    Diciamo pure che il disordine e sporcizia si vedeva pure da fuori ai tavoli e ora che è venuta fuori l’igiene come pensa di recuperare la fiducia? Con la cortesia o con la sua arroganza che ha da sempre . E il posto di Nunnari non lo può prendere nessuno oggi non c’è nessuno a Messina all’altezza e professionalità di nunnari e chi lo ha vissuto lo può confermare detto da un messinese DOC.

    • katia scrive:

      Gentile Claudio non sono d’accordo con lei… a Messina c è ancora che lavora con coscienza… si perché chi lavora in questo campo il RISPETTO del cliente deve essere assoluto… forse sono troppo di parte, ma le posso assicurare che ci sono persone che fanno un sacco di sacrifici per tirare avanti la propria attività con coscienza e rispetto verso il cliente, ma alla fine quest’ultimo si reca sempre dal solito nome noto… eh si… ci vuole fortuna!!!

    • Lillo scrive:

      Assolutamente! ma quale Nunnari…la sola educazione che c era li…Famulari ha la posizione buona, e l’arroganza. Ma chiudera anche lui, perche a Messina semu scattri…Pi mia avi chi ponnu ghiudiri…Ci sono tante buone rosticcerie a Messina, solo solo per l’educaizone che hanno e la cortesia..Pero i messinesi vogliono essere trattati male, c è poco da fare…Cosi è…

    • ludovico scrive:

      infatti, la qualità dei prodotti di Nunnari era unica, specie gli arancini. famulari non sa nemmeno cosa siano gli arancini

    • ALFREDOTONINO scrive:

      POSSO DIRVI CHE A DISTANZA DI TANTI ANNI, PER L’ESATTEZZA 30, NELLA MIA IMMAGINAZIONE SENTO ANCORA IL SAPORE DEI MACCHERONI AL FORNO, E DEGLI ARANCINI AL RAGU’ DELLA ROSTICCERIA NUNNARI. PENSO CHE SARA’ DIFFICILE EGUAGLIARE LA PRELIBATEZZA DI QUEI PRODOTTI.UN SALUTO A TUTTI I MESSINESI DA UN COMMILITONE DELLA PROVINCIA DI CROTONE.

  5. Angelo scrive:

    E’ triste che se ne siano accorti per caso! I controlli andrebbero fatti costantemente perché la pigrizia dei gestori é nota. Dimenticate la gelateria di torre faro con i topi accanto le latte per il preparato del gelato?
    Pensavate che Famulari fosse meglio ? Qui ahimè il cittadino é abituato ad un pessimo servizio perchè crede di meritare questo. Stop

    • Danilo scrive:

      Si è triste, ma il confronto non regge. Il gelato di Maria La Scala era sublime!! Accetterei la presenza dei topi in cucina per l’opportunità di gustare quel gelato gianduia ancora una volta (per non parlare del loro pistacchio, ricotta, etc..). Al contrario di qualunque cosa abbia ingerito da Famulari negli ultimi anni (….)

      • Inge84 scrive:

        Concordo pienamente… gelati buonissimi anche altrove, ma…
        Cosa non darei per un cono al gianduia di quelli… 😛

      • francesca scrive:

        Prova la gianduja del Bar del Sud. Io me la sogno la notte e ogni volta che torno a Messina è una delle prime cose.

      • Maria scrive:

        Diciamo, articoli e foto alla mano, che non è stato trovato alcun topo vicino ai semilavorati x gelateria.
        Casualmente di Famulari nessuno ha detto o scritto nulla….
        Di Maria La Scala all’epoca si parlò per 8 giorni sulla stampa e persino sui telegiornali nazionali!!!
        Se fosse stato vero anke solo il 10% di quello che è stato scritto metà dei messinesi sarebbe finito al pronto soccorso!!!!

        • Giovanni. C. scrive:

          Signora Maria ma non dica fesserie, i controlli sono stati fatti dopo che una bambina si è trovata in bocca una blatta enorme mentre mangiava una granita al cioccolato ed è finita in ospedale per shock, altrimenti il titolare avrebbe continuato a lavorare indisturbato.
          Se fosse per me chiuderei il 70% dei locali a Messina solo per il fatto che i gestori non indossano i guanti per servire i prodotti e poi toccano i soldi (e sicuramente qualcos’altro…).

    • Giovanni. C. scrive:

      Angelo veramente i topi e tutto lo schifo Del Bar Maria La Scala lo hanno scoperto dopo che una bambina di 10 in gita con la famiglia si è trovata in bocca una blatta mentre mangiava la sua granita al cioccolato…
      In Sicilia e soprattutto a Messina troppo spesso si chiude non un occhio ma tutti e due. Da Famulari lo schifo in cucina lo hanno scoperto per caso 2 poliziotti che sono entrati dopo una segnalazione di rapina e si stavano sentendo male…

  6. Richard scrive:

    Andate messinesi…andate

  7. Richard scrive:

    I messinesi per moda se ne vanno anche dove c’è sporcizia,perchè il messinese deve andare dove vanno tutti,anche andando contro la propria salute.

  8. giacomo scrive:

    (…..) noi stupidi che ci andiamo ancora,chiudi e vattene anziché dare schifo alla gente che ti porta soldi buoni

  9. Giuseppe scrive:

    E riapre? Con quale faccia? E cmq loro hanno torto e le ispezioni docrebbero essere più costanti……dovrebbe rimanere chiuso qualche anno così imparano a pulire meglio e a non risparmiare proprio nella pulizia.e’ caduto un mito per mio conto

  10. Stella scrive:

    Devono controllare più spesso questi esercizi commerciali dove preparano pietanze.Le persone che comprano non sono animali

  11. Orazio scrive:

    Potete dire quello che C…o volete la Rosticceria Famulari rimanela numero 1.

  12. Lu scrive:

    Che schifo! Non ho parole! Non ci metterò mai più piede! Pensare che ero andata a mangiare da loro pure a Roma! Con tutti i soldi che facevano, potevano pure degnarsi di dare una pulita, per rispetto di chi gli dava soldi puliti!!
    Concordo nel dire che è assurdo che sia stato scoperto per caso!! I controlli dovrebbero essere periodici, per la nostra sicurezza!!

  13. Deborah scrive:

    Cari Concittadini Messinesi…. I controlli ci sono, certo potrebbero intensificarli….. Ma solo se l’ASP 5 assumesse altri ispettori tecnici della prevenzione. Vi assicuro che si lavora e anche tanto… Ma siamo assolutamente sotto organico. Le attività sono tantissime….. Egli “LORDI” ancora di più !

    • enzo scrive:

      mancare da messina da anni fa effetto…tornare ancora di piu’…quando ero a messina certe cose non li notavo…andare a mare ogni mattina e doversi pulire la spiaggia dove sto con l’asciugamani….gente che mangia il gelato e butta la carta per terra…cani al guinzaglio che fanno la cacca e i padroni che puliscono il culo del cane e lasciano la merda a terra…vigili urbani non in emergenza che passano con il semaforo rosso…scontrino nix……..medita un po’ messinese….forse famulari te lo meriti!!!!!!!!!!

  14. Nino scrive:

    Una lode all’opertore di polizia che è andato oltre la mansione di tutore dell’ordine portando alla luce questo ennesimo episodio di sciacallaggio ai clienti che si fidano della serietà e professionalità. Bisognerebbe dare più amplificazione per favorire il consumatore nella scelta,

  15. katia scrive:

    Ci sono molte attività dove l’ASL va a controllare e trova tutto a posto… se uno vuole puo’essere a posto… non venite a dirlo a me…casualmente tutti i nomi noti vengono colti in flagrante… ma per favore l’igiene, la pulizia e la garanzia del prodotto sempre fresco viene prima di ogni cosa… fidatevi volere e potere

  16. tiziana scrive:

    Arancini balotelli,nibali,avvocato…aricini no con carne…ma con che cosa?..compleanni per bambini ,feste in ecc ecc ma come si può essere cosi meschini con la salute delle persone..VERGOGNA (……)

  17. TONINO scrive:

    UN CONSIGLIO AL TITOLARE, QUANDO FAI LA PUBBLICITA’ DELLE TUE SPECIALITA’ TI CONSIGLIO DI FARLE ACCANTO AL CASSONETTO DELLA MUNNIZZA

  18. salvatore scrive:

    I controlli a messina quasi sempre sono fatti in modo superficiale o avvisando prima qualche amico a sua volta amico degli amici.con grande rammarico ho lasciato messina per lavoro come tanti negli ultimi 50 anni.la frase comune a tutti é….sempre peggio questa città in mano a quattro amici…………

  19. Gaetano scrive:

    Manco da Messina da 33 anni e non nego che, in passato, abbia fatto tappa anche da famulari. Da molti anni quelle poche volte che torno acquisto i “rustici” in un anonimo, ma poi non tanto, negozio di periferia con cucina a vista dove si nota anche la preparazione dei prodotti e si rispecchia di certo ordine e pulizia, importanti per il consumatore finale.-

  20. DANIELE scrive:

    DA DOMANI TUTTI DA FAMULARI PER ASSAGGIARE IL NUOVO ARANCINO ALLA (…….)

  21. antonella scrive:

    Il caro signore e proprietario , doveva mettersi una mano sulla coscienza e pensare che le sue prelibatezze schifose potevano far intossicare molte persone. O magari in tanti si sono intossicati senza saperlo. Visto che i suoi rustici se li faceva pagare profumatamente , avrebbe potuto far pulire e disinfettare il tutto. La disonestà e i disonesti in questa città abbondano. Bisogna far sapere a tutti che in questa città chi fa o pensa di fare il furbo e solo un cretino. (………….)

  22. richard scrive:

    Che si vergogni……..e ancor di più chi continua ad andarci…..

  23. Piero scrive:

    Diciamo che non e tutto oro quello che liccica !

  24. Andrea scrive:

    Con tutto il rispetto possibile, Famulari è scaduto da molto tempo.
    Ha solo la fortuna della posizione.
    Si crede di essere il migliore di tutti, non è una persona umile.

  25. Lillo scrive:

    E come mai non ne ha parlato nessuno? (…..) Chi vive a messina lo sa…Senza contare l’arroganza di quello li alla cassa…Solo a Messina tengono aperti sti scaltroni…Il rispetto per il cliente, la passione e la professionalita non sanno manco cosa sono…Vergognatevi!

  26. santi scrive:

    Complimenti all’ operatore della Polizia di Stato per la competenza anche in materia sanitaria. Pur in carenza di personale un controllo programmato è il minimo che l’ ASP possa fare a tutela della cittadinanza. Se permangono le insufficienti condizioni igieniche anche in futuro, un provvedimento esemplare potrebbe dare l’esempio a tutti coloro che non hanno rispetto della salute dei loro clienti.

  27. giuseppe d'andrea scrive:

    piano piano ci si abitua alla condizione sociologica ed antropologica dell’ habitat in cui bene o male si è costretti a vivere. Nelle condizioni espresse è compresa quella igienico sanitaria. Per caso ….il controllo….la rapina ……. ma l’ASP5 o la Polizia Municipale dedicata , hanno mai controllato le condizioni igienico sanitarie dei lidi, dei club, dei pub , dei ristoranti lungo tutta la costa ionica . Signore …..alle lamentele ,abbiamo pochi uomini ed una sola pattuglia….. alcool ai minori, wc chimici a scaricare sottoterra, acqua in serbatoi cocenti, ed a Fiumara Guardia la chicca la fognatura a cielo aperto ma pare che ci sia passato ulisse con la sua rotta tra l’altro

  28. giuseppe d’andrea
    Il tuo commento è in attesa di moderazione
    31 agosto 2014 alle 6:49 PM
    piano piano ci si abitua alla condizione sociologica ed antropologica dell’ habitat in cui bene o male si è costretti a vivere. Nelle condizioni espresse è compresa quella igienico sanitaria. Per caso ….il controllo….la rapina ……. ma l’ASP5 o la Polizia Municipale dedicata , hanno mai controllato le condizioni igienico sanitarie dei lidi, dei club, dei pub , dei ristoranti lungo tutta la costa ionica . Signore …..alle lamentele ,abbiamo pochi uomini ed una sola pattuglia….. alcool ai minori, wc chimici a scaricare sottoterra, acqua in serbatoi cocenti, ed a Fiumara Guardia la chicca la fognatura a cielo aperto ma pare che ci sia passato ulisse con la sua rotta tra l’altro

  29. franco scrive:

    IL TESTO DICE CHE I FUNZIONARI HANNO RILEVATO GRAVI CARENZE IGIENICO SANITARIE E CONDIZIONI INCOMPATIBILI CON LA PREPARAZIONE DI ALIMENTI. MA SECONDO VOI SE FOSSE VERO TUTTO CIO’,PERCHE’ NON CHIUDERLO PER SEMPRE COME FECERO CON MARIA LA SCALA! PERCHE’ NESSUN TELEGIORNALE NE HA PARLATO? SARA’ FORSE UNA FARSA PER SCREDITARE FAMULARI,INVIDIA DI TUTTI I COMMERCIANTI (UNICO A LAVORARE DALLA MATTINA ALLA SERA). SECONDO ME IL GIORNALISTA CHE SCRIVE QUESTO ARTICOLO DICE FESSERIE,NON POTENDO VEDERE FAMULARI. SICURAMENTE CI SARANNO STATI DEI CONTROLLI MA NON TANTO GRAVI COME SI LEGGE NELL’ARTICOLO.

    • Michele Schinella scrive:

      Caro Franco, la legge prevede che se le condizioni igieniche vengono ristabilite il locale possa riaprire: infatti nell’articolo c’è scritto che la riapertura è stata autorizzata dopo un sopralluogo dei funzionari dell’Asp. Il giornalista non conosce Famulari né alcun altro suo concorrente e ha un solo padrone: i lettori, che hanno diritto ad essere informati. Per questo si assume la responsabilità giuridica delle notizie che scrive dopo averle controllate.

    • Luigi Costantino scrive:

      A prescindere dalle varie carenze igienico sanitarie, i prodotti di Famulari fanno (…..). Sono entrato una volta sola per acquistare degli arancini, mai più ritornato. Ci sono altri localini, meno conosciuti, che sono nettamente superiori in fatto di qualità e gusto. Come si dice a Messina, Famulari si fici a nomina. Per il resto, può attirare le giovani generazioni di consumatori, non certo gente come me che acquistava gli arancini solo da Nunnari. Ora me li faccio in casa, e sono sicuro che almeno sono buoni e di qualità.

  30. Francesca scrive:

    Cosa piu vergognosa e ripugnante che un cittadino commerciante abbia il coraggio di vendere un prodotto lavorato in condizioni igienico sanitarie tali da poter compromettere la
    Salute del
    Prossimo a maggior ragione se il
    Venditore in questione è cosi famoso da potersi permettere locali che dovrebbero rispettari tali norma
    …..questo attaggiamento indegna e rispecchia un comportamento di non rispetto verso la propria clientela indi per cui anche se adesso riapre credo
    Che la
    Fiducia della sua clientala
    Sia venuta meno …l
    Atteggiamento piu significante tra venditore e cliente è quello proprio di creare la fiducia venedno meno quella si rompe ul rapporto …..spero suderà per rifarsi la
    Clientela in modo da capire il senso errato del suo
    Comportamento !

  31. Giovanni scrive:

    E’ nato l’Arancino Netturbino!!
    Ricordo una frase detta dal titolare dietro al banco in una serata molto affollata di clienti tra i quali anch’io:

    “Messina ai piedi di famulari”

    Congratulazioni !! Mai più!!

  32. Marco scrive:

    La città è invasa dalle blatte. Ci sono in tutti gli esercizi commerciali. Non conosco Famulari né ho mai comprato un arancino da lui, ma di sicuro adesso ci andrò perché dopo la chiusura adesso sarà veramente pulito. Gli altri sicuramente non saranno.
    Cordialmente dott. Schinella
    Marco da Messina.

  33. Gioia scrive:

    Carissimo dott. Schinella

    a Messina i controlli andrebbero fatti a tappeto perché se così fosse tutti sarebbero puliti. Forza Famulari!

    buona giornata a tutti

  34. Antonio scrive:

    manco da Messina da molto anni ma non ho mai voluto prendere nulla lì (…….)

  35. vanessa scrive:

    Voi tutti ke e mettete giudizi affrettati siete bravissimi a giudicare immediatamente a ki si trova in difficoltà complimenti. N 1 ricordiamoci noi tutti sapientoni ke in qualsiasi cucina o forno elettrico cmq dove si produce calore e normale ke ci Possa essere qualcosa che non va nn sto dicendo che è giusto ma ki si scandalizza così tanto e sl un attore . N 2 ora mi rivolgo alle persone che dicono che famulari dovrebbe rimanere chiuso ricordatevi ke in quella rosticceria ci lavorano 25 persone con famiglie e a Messina ormai nn e rimasto più niente quindi tutte quest altre persone dv se ne dovrebbero andare ?? Si creerebbe solo altra disoccupazione . N 3 infine trovo giusto ke se famulari ora è in regola con tutte le norme sanitarie e igeniche abbia riaperto e giusto dare una 2 opportunità a tutti nella vita

  36. Luigi Costantino scrive:

    Le Leggi devono essere rispettate. I controlli dovrebbero venire fatti periodicamente ed a tappeto, senza favoritismi ed amicizie varie. Infatti, se non era per l’intervento casuale dei Poliziotti, questi signori avrebbero continuato a trasgredire la Legge.

    Chi vuole lavorare in campo gastronomico, bar, supermercati e locali adibiti a trattare merce destinata a consumo umano, deve necessariamente essere in regola e rispettare le Leggi.

    La questione della qualità, del gusto e dei sapori, è una questione a parte. Perchè si possono rispettare le Leggi, ma fare uso di cibo e bevande di scarsa qualità, spacciandole come di prima scelta. Saper lavorare e produrre prodotti di qualità e,sopratutto di gusto, non cosa da tutti. Infatti, i prodotti di Famulari, a livello di qualità e gusto, sono prodotti scarsi.

  37. Giuseppe scrive:

    Alla Sig.ra Vanessa che ha postato sopra e che di fatto è un uomo che lVora da Famulari rispondo che le blatte sono minima cosa, nel locale (…….)
    E per continuare, vorrei dire che a noi intrressa la salute dei nostri figli che ci chiedono 2. Euro per l’arancino e poi vanno a avvelenarsi da commercianti sporchi come questo. La salute viene prima del lavoro di 25 (ammesso che sia vero) persone di dubbie attitudini all’igoene.

    • franco scrive:

      sign. giuseppe le 2 euro per l’arancino li puo’ dare tranquillamente a suo figlio per comprare da famulari. ho anch’io due figli e li porto a mangiare li,visto che è sempre stato il locale piu’ pulito di messina,si mangia bene al contrario di altri posti come per esempio il mc donald! tanto per citarne 1!

  38. franco scrive:

    Ho letto di tutto, blatte dentro l’arancino,kitekat in cambio del ragu’ ,topi,dente dentro l’arancino. purtroppo a messina una cosa piccola diventa grande! Famulari è sempre stato pulito, sono andato sempre a mangiare da lui e continuero’ ad andarci.mi ricordo un giorno che andai da lui,vidi famulari fare entrare dei clienti in cucina per far scattare foto degli arancini,(secondo voi se fosse stato sporco,avrebbe fatto entrare clienti in cucina?) Da un normale controllo è scaturito un pudiferio per l’articolo pubblicato da michele schinella non vero! ha voluto usare il nome di famulari per essere al centro dell’attenzione visto che prima non lo era!il signor schinella sbattuto fuori da tutte le testate giornalistiche per parlare troppo a vanvera. Adesso si parla solo dell’artico di famulari di michele schinella!possiamo dire che michele schinella è l’eroe del momento!

    • Michele Schinella scrive:

      Caro Franco, Michele Schinella ha fatto solo il suo dovere di giornalista, come ha cercato di fare sempre in passato nel rispetto di lettori e cittadini: non è stato “sbattuto fuori” da nessuna testata e soprattutto non lo è stato perché ha scritto “cose a vanvera”, visto che ciò che scrive (per puro caso, ovviamente) è stato anche di recente pubblicato su Il corriere della sera e visto che pur avendo beccato querele penali da magistrati, docenti universitari, politici e vari potenti della città di Messina è stato sinora sempre assolto o prosciolto.

  39. Gioia scrive:

    In effetti Schinella scrive su corriere.it. Ogni suo articolo è accompagnato da una smentita (vedi Università di Messina)…. E comunque 109 l’ha mandato via. Oppure non è così. Spero pubblichi questo messaggio dimostrando di non temere nulla. Grazie.
    Ps. di Famulari non mi importa niente. Il problema è che Messina è sporca!

    • Michele Schinella scrive:

      Schinella non ha nulla da temere… nemmeno le falsità.
      Centonove non l’ha mandato via, tanto che è ancora un suo dipendente: Gioia visto che sei così (male) informata ti basta leggere la gerenza di Centonove, si trova a pagina 2, in basso.
      Ma se pure fosse stato mandato via da Centonove, bisognerebbe conoscere i motivi. Pensa Gioia che i giornalisti vengono mandati via solo per loro demeriti e non perché difendono la loro libertà? I meriti dei giornalisti (e del giornale) vengono valutati dai lettori, dai dati di vendita e dall’autorevolezza di un giornale: Gioia il secondo dato è pubblico. Lo puoi controllare anche tu su internet.
      Vero è che da ottobre del 2013 Schinella non ha scritto neppure un rigo su Centonove: i motivi e le ragioni un giorno verranno del tutto a galla: carte alla mano. Sul blog ha raccontato di cosa si era occupato a ottobre del 2013 e quali sono gli ultimi articoli scritti.
      Quanto alle smentite (in verità 2) che contrassegnerebbero ogni articolo sul corriere.it, la cosa divertente che alla redazione de Il corriere.it non sono mai arrivate. L’unica richiesta di rettifica giunta riguardava solo il pezzo sulla maximulta al CUS e sull’inchiesta della Procura: non il contenuto del pezzo (scritto da Schinella) ma il titolo (di competenza di un redattore de Il Corriere). Ti invito a leggerlo: http://www.corriere.it/scuola/universita/14_maggio_23/maxi-multa-all-universita-messina-c6714aea-e252-11e3-ac6b-33bb804580af.shtml
      La smentita al pezzo sull’allarme pulci al Policlinico (la seconda) è stato raccolta (acriticamente) solo dai giornali locali di Messina: gli stessi giornali che si sono guardati bene dal raccogliere la notizia su Famulari, incassando invece qualche settimana dopo pubblicità dallo stesso FAMULARI. Michele Schinella carte alla mano ha sbugiardato su messinaora.it il comunicato stampa del manager del Policlinico. Ti invito a leggere l’articolo: http://www.messinaora.it/notizia/2014/08/08/pulci-al-policlinico-le-prove-dellemergenza-prosegue-la-disinfestazione/40041
      Gioia, grazie a te… Schinella se può, ti vorrebbe dare un consiglio: dubita di ciò che ti viene raccontato finché non senti l’altra campana… A presto

Lascia una risposta