Processo “Il Detective”, fioccano le prescrizioni. Escono di scena 13 imputati. Il processo, nato dalla guerra intestina per il controllo della storica società di vigilanza, continua per gli altri sei

Download PDF

Il Tribunale di Messina

Il Tribunale di Messina

All’inizio del giudizio di primo grado, nel 2012, i capi di imputazione erano 65. In piedi, dopo 4 anni, nel 2017,  ne sono rimasti 9.

Il processo cosiddetto Il Dectective, nato dalla guerra intestina scoppiata nel 2007 per il controllo della società di vigilanza fondata da Antonino Corio, ha avuto un primo responso.

Il Tribunale di Messina, presieduto da Mario Samperi, nel tardo pomeriggio di oggi ha dichiarato l’avvenuta prescrizione per il decorso del tempo di 56 capi di imputazione.

Sotto processo sono rimasti sei imputati

I restanti tredici, infatti, hanno beneficiato della sentenza di non doversi procedere per il decorso massimo del tempo dai fatti contestati.

I fatti oggetto delle ipotesi di reato erano stati commessi nel 2007.

Escono dal processo Daniela Corio, figlia dei proprietari della società di vigilanza, e Pietro Cacace, il marito; la figlia Federica Cacace; Cristina Corio e Natala Corio le altre due sorelle figlie dei proprietari de Il Detective; Corrado Emanuele Galizia, ex agente dei servizi segreti, per un periodo amministratore de Il Detective, consigliere e braccio destro di Daniela Corio; Giuseppe Giammillaro, marito di Cristina Corio; Antonino Lo Giudice, avvocato e consulente della società; Pietro Sofia e Massimiliano Morabito, guardie giurate; Pietro Previte e Massimiliano Carrozza, titolari di ditte che avevano lavorato per il Detective; Maria Gabriella Ciriago, funzionaria della Prefettura di Messina.

I reati contestati e dichiarati prescritti andavano dalla turbativa d’asta, all’appropriazione indebita, alla falsa testimonianza, alla truffa attraverso false fatturazioni, alla circonvenzione di persona incapace, alla rivelazione del segreto d’ufficio.

Non verrà così mai accertato in un processo penale se e quali di questi imputati fossero o meno colpevoli dei reati di cui erano accusati.

 

Il processo continua per le accuse di estorsione

 

Sono rimasti in piedi i capi di imputazione con cui la Procura ha contestato l’estorsione, reato con tempo di prescrizione più lungo.

Specificamente, sono accusati di estorsione, Antonella Corio e il marito Marco Lenci: secondo l’accusa hanno minacciato la mamma (e suocera) Antonia Privitera, proprietaria de Il Detective di non farle più vedere il proprio figlio, se non avesse trasferito alla figlia una polizza vita, che aveva come beneficiaria la stessa Antonella.

La tesi difensiva, sostenuta dal legale Nunzio Rosso, si basa, tra l’altro, su quest’ultimo dato.

 

Lo straordinario fuori busta

 

Rimangono sotto processo, anch’essi accusati di estorsione in concorso Enzo Savasta, uomo di fiducia prima di Antonino Corio e poi, dopo la sua morte, avvenuta nel 1999, della moglie Antonia Privitera; Salvatore Privitera, fratello di quest’ultima, e Mariella Russo, sorella (non germana) del fondatore Antonino Corio:  in qualità dipendenti amministrativi sono accusati di aver obbligato alcuni dipendenti ad accettare pagamenti in nero dello straordinario e in misura minore al dovuto, attraverso la minaccia  di licenziamento.

Teste principale dell’accusa per questo capo di imputazione è Salvatore Di Natale, sindacalista aziendale della Cgil, che sentito in fase di indagine ha fatto delle dichiarazioni di accusa nette ai tre imputati.

Proprio la prossima udienza fissata per il 17 ottobre 2017 è dedicata all’esame del sindacalista.

In realtà, Di Natale, costituito parte civile, era stato citato per l’udienza di oggi ma non si è presentato così come non si è presentato il suo legale, Saverio Arena.

All’udienza precedente, dopo aver risposto alle domande del pubblico ministero in maniera serena e decisa, incalzato dal legale di Savasta, Salvatore Saccà, che aveva iniziato a dare lettura di alcune intercettazione da cui emergeva la sua posizione di sindacalista tutt’altro che neutra rispetto alla guerra intestina societaria, ha lamentato un malore che ha costretto il Tribunale a rinviare l’esame.

La tesi difensiva – emersa nel corso del dibattimento – è che non ci fu alcuna minaccia, nè avesse motivo di esserci: i dipendenti che hanno lamentato di aver avuto corrisposto lo straordinario in nero (6 su 100) erano guardie che mensilmente facevano più straordinario di quanto la legge consentisse.

Per cui questo ulteriore straordinario non poteva essere  per legge inserito nella busta paga,  ma veniva pagato in nero. Il dipendente, in realtà così non solo non veniva danneggiato ma addirittura avvantaggiato: percepiva – dati alla mano – di più per ogni ora di straordinario per così dire “ultra legem”, perchè quanto corrisposto era netto non dovendosi pagare ritenute fiscali e contributive.

 

Il falso in atto pubblico

 

Rimane ancora sotto processo Carmelo Altomonte, dirigente del Comune. E’ accusato di aver autenticato la firma di Antonia Privitera che – secondo l’accusa – mai incontrò di persona, visto che questa mai potè andare al Comune e mai ci andò a causa delle sue condizioni di salute.

La tesi difensiva – espliciata nel corso del dibattimento – è che fu Altomonte ad andare a domicilio della Privitera per autenticare la firma.

 

Origini interessate e assunzioni di favore 

 

Le indagini coordinate all’epoca dai sostituti Antonino Nastasi e da Adriana Sciglio sono nate dalle denunce di una delle figlie di Antonino Corio e Antonia Privitera, Daniela Corio, presentate un paio di mesi dopo la morte della mamma, avvenuta il 3 maggio del 2007, al termine di una malattia.

Daniela Corio, in quel momento  minoranza nella società di famiglia (dopo alcuni di mesi direttore generale) si presentò in Procura denunciando una serie di fatti che accusavano coloro che in quel momento avevano la guida della società: le sorelle Antonella e Natala e Enzo Savasta, socio con il 5% e amministratore della società,  ago della bilancia nella battaglia tra le 4 sorelle.

Le indagini condotte dalla sezione della polizia giudiziaria della Guardia di Finanza, guidata da Diego Arena, furono caratterizzate – per come è emerso – dai rapporti frequenti tra Daniela Corio e Corrado Emanuele Galizia e il luogotenente Giuseppe Smedile, che di fatto svolgeva le indagini.

L’ufficiale Smedile, con le indagini ancora in corso, si ritrovò assunto il genero da parte di un’altra società di vigilanza, la Corio srl (ex Vigilnot) nel frattempo acquisita da Daniela Corio e Cristina Corio.

Le due sorelle, rimaste minoranza nella società di famiglia ma prinma che un’assemblea dei soci certificasse ciò, avevano affittato a prezzo irrisorio l’azienda de Il Detective proprio a Corio Srl, appena acquistata.

Alla fine, titrando le fila di un’indagine durata tre anni e fatta di intercettazioni telefoniche, la procura contestò reati anche a Daniela Corio e Corrado Emanuele Galizia, commessi secondo la procura proprio nel periodo in cui i due entravano e uscivano dagli uffici della Guardia di Finanza.

Nell’inchiesta rimase invischiata la moglie dell’allora rettore dell’ateneo di Messina Franco Tomasello, Melitta Grasso (deceduta due anni fa), amica di vecchia data di Antonia Privitera: indagata inizialmente per corruzione, la Procura chiese e ottenne per lei l’archiviazione.

 

Effetto boomerang: fallimenti e condanne

 

La società Il detective, che quando iniziarono le indagini della procura aveva 7 milioni di euro di fatturato e 100 dipendenti, nel 2011 è stata dichiarata fallita.

Fallita è stata dichiarata pure la società Corio srl (ex Vigilnot).

Da quest’ultimo fallimento è nato un procedimento penale per bancarotta fraudolenta che al termine del processo di primo grado ha visto condannata tra gli altri Daniela Corio a 4 anni di reclusione e Cristina Corio a tre anni.

Daniela Corio, nell’ambito di un’altra costola dell’inchiesta principale, è stata condannata con sentenza passata in giudicato ad otto mesi di reclusione per rivelazione del segreto d’ufficio: nel corso della guerra societaria aveva chiesto e ottenuto informazioni riservate da impiegati della Prefettura di Messina.

 

Lascia una risposta