Pornografia minorile, il giudice Gaetano Amato torna ai domiciliari dopo 24 ore trascorse nel carcere. Il Gip Vermiglio scioglie il paradosso sorto dopo la pronuncia della Corte di Cassazione: “E’ sufficiente l’affidamento alla comunità di riabilitazione”.

Download PDF

Il giudice Gaetano Amato

Il giudice Gaetano Amato

 

Ieri è tornato in carcere, su ordine della Procura di Messina. Oggi, agli arresti domiciliari, presso la comunità di recupero cui era stato affidato qualche mese fa dal Giudice per le indagini preliminari.

La permanenza del giudice Gaetano Amato nelle mura del penitenziario di Gazzi dura meno di 24 ore.

Nella giornata di oggi, infatti, il Giudice per le indagini preliminari, Maria Vermiglio, ha accolto l’istanza presentata dal suo legale Salvatore Silvestro e ha ordinato la scarcerazione del giudice accusato di produzione e scambio di materiale pedopornografico e di violenza sessuale.

Per capire cosa sia successo nelle ultime 24 ore bisogna avventurarsi nelle pieghe delle varie decisioni che si sono registrate sulla vicenda e della procedura penale.

Le tappe della vicenda

Amato è stato arrestato il 3 ottobre del 2017 su ordine del Gip Maria Vermiglio.

Il giudice era rimasto coinvolto in un’inchiesta della Procura di Trento ed era stato incastrato dalle intercettazioni della polizia postale che avevano evidenziato come avesse prodotto e scambiato materiale pedopornografico (vedi servizio sulla vicenda).

Per questa condotta Il Gip aveva accolto la richiesta dei sostituti della Procura, Giovannella Scaminaci e Roberto Conte, titolari delle indagini.

I due pm ad Amato contestavano anche il reato di violenza sessuale e anche per questo reato avevano chiesto la misura del carcere.

Le attività di indagine avevano mostrato che il giudice aveva scattato una foto (poi diffusa via chat) a una minore con il seno scoperto mentre dormiva. Secondo l’accusa le aveva sollevato la maglietta e nel farlo le aveva sfiorato il seno, come ha raccontato al suo interlocutore nella stessa chat: da qui specificamente l’accusa di violenza sessuale.

In prima battuta, però, il Giudice per le inddagini preliminari Urbani, aveva ritenuto non vi fossero gravi di indizi di colpevolezza di questa condotta, non considerando sufficienti le ammissioni via chat dello stesso Amato e invece verosimile che la maglietta si fosse alzata da sola nel mentre la bambina dormiva.

I sostituti della Procura,  Scaminaci e Conte, ritenendo errata la valutazione del Gip sulla contestazione della violenza sessuale, hanno subito fatto appello su questo punto al Tribunale del Riesame, ribadendo la richiesta di applicazione della misura cautelare del carcere.

Qualche tempo dopo, il legale di Amato ha avanzato al Gip Vermiglio richiesta di alleviare la misura cautelare del carcere con quella degli arresti domiciliari presso una comunità di recupero e cura per soggetti con problemi di pedofilia.

Quest’ultima istanza di affidamento alla comunità è stata accolta il 27 dicembre del 2017, sulla base della considerazione che per neutralizzare le esigenze cautelari di reiterazioni del reato non fosse necessario il carcere.

Due mesi prima, il 26 ottobre del 2017, il Tribunale del Riesame aveva dato ragione ai due sostituti procuratori.

Aveva ritenuto, infatti, ricorrente anche il reato di violenza sessuale con la precisazione però che andasse inquadrato nella forma di minore gravità: ciò che determina una riduzione della pena base prevista per la violenza sessuale (da 5 a 10 anni) fino a due terzi. .

L’esecuzione di questa pronuncia tuttavia era stata sospesa in attesa che divenisse definitiva con l’eventuale giudizio della Corte Cassazione, cui si è rivolto il legale di Amato.

La sentenza della Cassazione è arrivata l’altro ieri. Ha rigettato il ricorso dell’avvocato Silvestro e ha attribuito efficacia esecutiva all’ordinanza del Tribunale del Riesame.

Ieri la Procura ha conseguentemente ordinato di prelevare Amato nella comunità e di condurlo nel carcere di Gazzi.

Il paradosso

Tuttavia, a seguito della pronuncia dei giudici di legittimità si è determinata una sorta di paradosso.

Il giudice Amato si è ritrovato in carcere per un reato meno grave (la violenza sessuale, nella forma di minore gravità) di quello (la pornografia minorile) per cui era ai domiciliari; e, soprattutto sulla scorta di esigenze cautelari valutate dal Tribunale del Riesame due mesi prima rispetto alla valutazione del Giudice per le indagini Urbani che per il reato più grave aveva ritenuto sufficiente gli arresti domiciliari.

E’ stato così lo stesso Gip Vermiglio a risolvere nella tarda mattinata di oggi il paradosso, ordinando che il giudice Amato torni nella comunità specializzata nella cura e riabilitazione di persone con problemi di pedofilia:”Gli arresti domiciliari con divieto assoluto di comunicazione con persone diverse dagli stretti familiari e degli operatori e ospiti della comunità basta a neutralizzare le esigenze cautelari di pericolo di reiterazione del reato”, ha motivato il Gip.

Nella comunità Amato potrebbe però rimanerci poco.

La Procura infatti  nelle scorse settimane ha presentato appello contro il provvedimento del 28 dicembre del 2017 del Gip Vermiglio che accordava gli arresti domiciliari in comunità: l’udienza si terrà nelle prossime settimane.

Se l’appello fosse accolto, per il magistrato si riaprirebbero nuovamente le porte di Gazzi.

 

Comments are closed.